La trasmissione inrtergenerazionale
delle alleanze inconsce

 

Le alleanze inconsce non sono solo quelle che stabiliamo con i nostri contemporanei, ma anche quelle contratte per noi e senza di noi, prima della nostra nascita.

Esse ci precedono e noi ne siamo gli eredi.

Ognuno di noi nasce alla vita psichica nella trama delle alleanze che sono state stabilite prima di lui nella quale il suo posto è segnato in anticipo. Questo posto che lo costituisce nella sua soggettività, potrà essere mantenuto solo a condizione che, a sua volta, egli sottoscriva i termini dell’alleanza prescritta per lui, ma anche per l’insieme.

La storia del soggetto, da questo punto di vista, è al contempo quella del suo assoggettamento a questo posto, e quella degli scarti che il soggetto dovrà esperire e sostenere riguardo a questo posto prescritto per diventare Io.

In questo senso, le alleanze inconsce sono un processo fondamentale della trasmissione psichica dei movimenti della vita e della morte tra le generazioni. 

R.Kaes
L'identificazione con l'ufficio col titolo ha perfino qualcosa di seducente, sicchè molti uomini non sono altro che l'ufficio conferito loro dalla società. Sarebbe vano cercare sotto la scorza una personalità.
Perciò l'ufficio è così seducente: perché rappresenta una comoda compensazione delle insufficienze personali
 
C.G. Jung
FINALITA' E METODOLOGIA
SUPERVISIONE   ORGANIZZATIVA

Non è raro che la vita delle ORGANIZZAZIONI, pubbliche o private, sia attraversata da momenti di conflitto e/o di crisi che rendono la vita degli operatori e dei clienti/utenti soggetta a sofferenza o momenti in cui le prestazioni dei componenti dell’organizzazione, risultano tecnicamente adeguate ma vuote di energia vitale e motivazionale, di Vita o al contrario eccessivamente cariche di investimento emotivo.

La Supervisione di gruppo è un valido strumento di conoscenza e di intervento che ha delle interessanti implicazioni emotivo-affettive nellʼosservazione delle dinamiche consce ed inconsce in atto in quel gruppo, in quella organizzazione. 

Il dispositivo pone la sua attenzione sul gruppo, sulla sua organizzazione, sui legami e sulle alleanze inconsce co-organizzate dai componenti, sulle dinamiche e sui processi in atto: alleanze che strutturano la vita del gruppo, spesso indipendentemente dalla volontà dei singoli.

La Supervisione permette di addentrarsi nell’esplorazione e nellʼanalisi:

  • delle dinamiche relazionali che si instaurano tra i clienti/utenti e/o tra gli operatori e gli utenti/clienti;

  • dei legami e delle alleanze inconsce spesso fonte di disagio e sofferenza allʼinterno delle organizzazioni lavorative;

  • dei processi perlpoiù impliciti che permettono il passaggio inconsapevole delle emozioni che si provano nella relazione con gli altri;

  • degli effetti e dei processi intersoggettivi sullʼorganizzazione della vita dei singoli soggetti.

 

Essa è tesa a valorizzare elementi di sviluppo o innovazione o a fare emergere elementi di criticità personale ed organizzativa e/o processuale.

 

L'intervento è finalizzato ad offrire alle persone nel contesto, lʼopportunità di aumentare il proprio livello di consapevolezza anche sugli aspetti legati al contagio emotivo, delle modalità con le quali le persone entrano in sintonia affettiva e raggiungono una convergenza emotiva che fa da substrato all'interazione sociale ed ai comportamenti che emergono nella relazione (Hatfield, Cacioppo e Rapson, 1994).

La supervisione è una modalità formativa che, attraverso un processo specifico e un ascolto, contenimento e trasformazione permette ad una persona o ad un gruppo impegnato in una azione di trovare strumenti, indicazioni tecniche e un sostegno per comprendere, analizzare e agire in una situazione.

E’ un’opportunità che gli operatori si danno per sviluppare le loro competenze professionali.

Finalità': la costituzione di un gruppo di supervisione condotto da un esperto consente ad ogni singolo operatore di condividere le situazioni, oggettivarle, riflettere sul proprio operato e reinquadrarle sulla base delle riflessioni su altri ipotesi e opzioni di intervento.

Parlare di una situazione significa porre attenzione alla richiesta portata, a se stessi, a quello che si fa e a come lo si fa, a quali strumenti vengono utilizzati, alle risorse proprie e dell’altro.

La supervisione nel nostro approccio tiene insieme le diverse dimensioni metodologica, organizzativa, etica, emotivo/relazionale, è senza dubbio uno strumento fondamentale per lo sviluppo di una organizzazione, di un gruppo,  in quanto attraverso questo processo possono essere evidenziati i rapporti di congruenza tra la prassi, la teoria ed il compito primario istituzionale,  la correttezza metodologica ed etica  e le implicazioni del sé nelle relazioni interpersonali ed interorganizzative.

I consulenti abilitati ad occuparsi di questa area, si concentrano nel loro lavoro su "ciò che sta realmente accadendo" per migliorare lo sviluppo organizzativo, facilitare una leadership efficace e contribuire allo sviluppo delle risorse umane e del sistema istituzionale ed organizzativo nel suo complesso.

Sono abituati a resistere alle soluzioni facili essi lavorano con i sentimenti di disagio, tra cui l'invidia, la competizione e la rivalità. Prestano attenzione alla natura profonda della resistenza al cambiamento nelle organizzazioni e aiutano a rendere visibile ciò che potrebbe inibire, deprimere o autolimitare il lavoro.

Sono formati per comprendere e capire sistemi complessi e individui nelle loro relazioni con il contesto.

Sono interessati agli individui nelle loro relazioni con il sistema

e il sistema nella mente dell'individuo.

Aiutano i clienti a osservare in profondità i comportamenti organizzativi, come si inseriscono nel sistema e come il sistema e la struttura influenza il modo in cui prendono il loro ruolo.

 

Metodologia

Creiamo uno spazio protetto, uno spazio di pensiero in cui, difficoltà, nuove strategie e cambiamenti possono essere elaborati.

L'orientamento è sistemico-psicodinamico ispirato al metodo Tavistock ed a modelli di intervento psicoanalitici, psicosociologici di ispirazione italiana e francese.

Aiutiamo i nostri clienti a capire cosa sta realmente accadendo.

Quello che non facciamo è creare un processo in cui le persone diventano dipendenti.

Crediamo che il cuore di ogni organizzazione è la sua gente.

Noi crediamo che le organizzazioni riescono o falliscono sulla forza delle persone che lavorano al loro interno.

Le migliori strategie non producono risultati e una leadership non è efficace se il personale non è in armonia con il sistema. 

Per richiedere ulteriori informazioni, gratuite, compila il “modulo per la richiesta di informazioni” oppure “scrivici”.

 

DE VINCENZO and PARTNERS      CONSULENTI DI MANAGEMENT     SEDE  NAPOLI,  80129,  Via Massimo Stanzione, 15     Uffici a  Milano e Martina Franca  

© 2020  by DE VINCENZO and PARTNERS

+39 081 180 88 929

  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon